Browsed by
Mese: agosto 2019

33CL – Niente come Sembra

33CL – Niente come Sembra

I 33CL erano un gruppo punk rock dalla provincia di Verona. Si, erano, perché la malattia che colpisce i bassisti veneti a emigrare verso altri lidi ha contagiato anche Gara che è salito su un aereo, e ciao Italia. A dirla tutta anche Pierino ha lasciato la nativa Montecchia verso zone più fresche in cerca di fortuna. Unico superstite il Cez, che continua imperterrito a raccogliere olive, bruscare vigne e ingrappare le ciliegie. Questo sterile cappello è per dire che…

Read More Read More

UNDERDOGS: Sublime – 40oz. to Freedom

UNDERDOGS: Sublime – 40oz. to Freedom

I Sublime sono una band che oltreoceano ha lasciato un segno profondo nella scena ska/punk californiana e ha ottenuto un successo notevole, soprattutto con il terzo album, self titled, pubblicato postumo nel 1996 dopo la morte del leader/cantante/chitarrista Bradley Nowell per overdose di eroina. La notorietà della band, estesa a livello internazionale proprio in quegli anni, è passata un po’ in sordina in Italia e ad oggi nel nostro paese la band non viene quasi mai citata tra le influenze degli…

Read More Read More

Goofy Head – The Adult Session

Goofy Head – The Adult Session

Nuovissimo album d’esordio per i Goofy Head, trio di Castelfranco Veneto, che esce per la Lostdog Records. La band, dedita a un punk rock ramonico veloce e senza orpelli, arriva al traguardo del primo full lenght dopo un demo di 4 tracce, Freaked, e un EP di altrettanti pezzi, Bullshit Thinking, usciti tra il 2016 e il 2017. The Adult Session, con le sue 11 tracce (10 per la verità, la prima è un intro) e i suoi 20 minuti scarsi…

Read More Read More

CONTRORECENSIONE ASTEMIA di “Sad, Rich And Fat / Snowball Fights And Hockey Sticks” dei Volkov

CONTRORECENSIONE ASTEMIA di “Sad, Rich And Fat / Snowball Fights And Hockey Sticks” dei Volkov

Un capolavoro di semplicità e ignoranza. Il primo lavoro completo dei milan–russi Volkov, che segue un EP e lo split coi poderosi Mega, è la perfetta interazione tra lo speciani-core e l’imbalzano-core (arrivati a questo punto metà dei 6 lettori dell’articolo sgallano, ciao ciao). È un prodotto talmente valido che ipoteticamente lo consiglierei ad uno sprovveduto che avesse voglia di avvicinarsi al mondo del ramonescore (NON FATELO – vi partono soldi e salute a nastro, e non cuccate). L’idea portante…

Read More Read More

The Dopamines + The Raging Nathans + Wild Animals + Cocks @ CSOA Terra di Nessuno, Genova

The Dopamines + The Raging Nathans + Wild Animals + Cocks @ CSOA Terra di Nessuno, Genova

Serata strana quella di ieri al CSOA Terra di Nessuno di Genova, pregna di punk rock, ignoranza e ovviamente alcol. Se conoscete le band protagoniste della serata, probabilmente potete già immaginare il finale ma per non spoilerare a tutti gli altri, comincerò a raccontare dal principio. Terra di Nessuno è la venue perfetta per una serata punk rock a inizio agosto: posto piccolo sperduto sulle colline genovesi, palco all’aperto con birre economiche e clima familiare. Non si può chiedere di…

Read More Read More

Good Riddance – Thoughts and Prayers

Good Riddance – Thoughts and Prayers

I quattro di Santa Cruz sono tornati! Dopo quattro anni dal precedente Peace In Our Time, che aveva segnato il ritorno sulle scene della band dopo un lungo iato, Thoughts and Prayers è una gradita sorpresa che conferma l’ottimo stato di salute della band e che i californiani riescono ancora a spaccare il culo. Sentendo un po’ di pareri mentre lo ascoltavo, in molti dicevano che questo fosse un album 100% Good Riddance. Passato l’entusiasmo iniziale e fatto girare il…

Read More Read More

Volkov – Fat, Rich And Sad/Snowball Fights And Hockey Sticks – I Buy Records – One Chord Wonder – Mom’s Basement Records

Volkov – Fat, Rich And Sad/Snowball Fights And Hockey Sticks – I Buy Records – One Chord Wonder – Mom’s Basement Records

Back to 1996 ovvero please ’96 me: per favore novantaseizzami…questo potrebbe essere il vero titolo del primo disco dei Volkov, quartetto brianzol-milanese che ha scelto di amare e corteggiare la fredda Russia. Quattro vecchie conoscenze del pop-punk che hanno bazzicato una quantità industriale di band diverse. Diciamolo subito: siamo di fronte ad un capolavoro: se fosse uscito davvero  nel ’96 sotto Lookout records sarebbe un classicone. I quattro fanno un’operazione semplice e al tempo stesso folle: prendono i Riverdales, li mischiano…

Read More Read More