Agnostic Front – Get Loud!

Agnostic Front – Get Loud!

Cari Roger e Vinnie,

ve lo devo dire (non senza una lacrimuccia): a questo giro mi avete un po’ stufato. Lo dico con rispetto e senza polemica. Siete tra i padrini dell’hardcore vecchia scuola, i detentori e guardiani dell’attitudine e del sound caratteristico della vostra cara New York. Su questo non si discute e ve ne do pieno merito.

Ultimamente però i lavori che avete sfornato sono un po’ troppo autoreferenziali… I temi trattati sono sempre gli stessi con le stesse parole, i riff e i passaggi triti e ritriti. Per carità, parlando nello specifico di Get Loud!, non si può certo dire che sia un disco insufficiente o fatto male. Non ci sono brani brutti ma semplicemente sono quasi tutti anonimi. Magari qualcuno spaccherà anche dal vivo, ma probabilmente non sopravviverà al tour successivo. C’è la carica, c’è la passione ma, detto schiettamente, è sempre la solita roba! Mi sarei aspettato in qualche modo un passo avanti, un evolversi rimanendo sé stessi e invece niente…

La cosa però che più mi stona è l’ostentata celebrazione del passato. Non è la prima volta che lo fate: nel precedente album, The American Dream Died del 2015, il brano di punta era Old New York, inno dedicato alla vostra città che per voi non è più quella di un tempo (“The greatest city of them all / but it just don’t feel the same / I miss the old New York”). Ora mi piazzate su Get Loud! questa I Remember, che celebra i bei vecchi tempi andati. Sarà l’età che avanza però le cose cambiano. Il CBGB’s ha chiuso e dispiace a tutti ma bisogna farsene una ragione e andare avanti. Sulla copertina ispirata a Cause For Alarm e disegnata sempre da Sean Taggart posso anche passarci sopra, alla fine è figa.

Sono sincero: non so se mi comprerò questo disco, perché so già che dopo un paio di ascolti lo abbandonerò.

Ai vostri concerti invece continuerò a venire, quelli sono sempre una bomba, anzi mi aspetto una data estiva da noi e magari ci facciamo quattro chiacchiere dal vivo!

Con affetto,

Frankie

 

Tracklist:

01. Spray Painted Walls 

02. Anti Social 

03. Get Loud! 

04. Conquer And Divide 

05. I Remember 

06. Dead Silence 

07. AF Stomp 

08. Urban Decay 

09. Snitches Get Stitches 

10. Isolated 

11. In My Blood 

12. Attention 

13. Pull The Trigger 

14. Devastated 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *