LIVERMORES – S/T-Mom’s basement records, I buy records, Commando Records

LIVERMORES – S/T-Mom’s basement records, I buy records, Commando Records

LIVERMORES – S/T (2019)
Qualche giorno fa il nostro Momoramone mi scrive circa “sentito l’ultimo dei Livermores, per me è un disco bellissimo, ma è veramente nata l’era del Manges-core?“.
Ecco cosa ne pensa il nostro grande Lupone vicentino.
Conobbi i Livermores circa tre anni fa mi sembra, ad un concerto zona laguna in cui
come Vaseliners eravamo ospiti dagli amici On My Arms (anche loro in odore di
album nuovo – stay tuned!).
Mi ricordo che dopo tipo quattro loro canzoni dissi a
Save, notoriamente scassaminkia, che li volevo a tutti i costi a Montecio Cool Kids e
lui a sorpresa disse immediatamente di si senza tentennamenti: indubbiamente
anche se ancora giovane era un gruppo che meritava. Che poi a dirla tutta i pischelli
hanno abbastanza primavere sulle spalle e diversi gruppi precedenti all’attivo
(Dinasyt, Lex 180,….).
Da allora gli anconetani sono cresciuti bene sfornando a razzo
diversi EP e 2 split con Zachary e Proton Packs, e soprattutto sbattendosi e
macinando chilometri per poi magari suonare davanti a quattro stronzi. Si sono in
questo modo costruiti una solida fanbase ed attirato l’attenzione di piccole ma
blasonate label del settore: I Buy Records, Commando Records e Mom’s Basement
Records. Il culmine di questo percorso è la partecipazione nel corso dell’anno a due
festival mega golosi: Punk Rock Raduno e Puke Fest a Munster (D). Con questi
presupposti rilasciano a dicembre 2019 il primo lavoro sulla lunga distanza: un disco
solido e ben prodotto che pianta le radici nel ramonescore più classico. Se i
Riccobellis scimmiottano i Ramones, i Mighty Goose assomigliano ai Riverdales, i
Vaseliners facevano gran pippe agli Screeching Weasel si può dire senza ombra di
dubbio che i Livermores sono i figliocci dei Manges. La somiglianza del power trio
marchigiano agli spezzini è evidentissima, sia come costruzione delle canzoni, che
​nei temi trattati e pure i “1-2-3-4!” di Giuse sono praticamente identici a quelli del
nostro adorato Zannoni.
L’ album si compone di ben 13 tracce di cui la prima, la settima e la dodicesima
(Copacabana, Bay California e C.I.A.) erano già state rilasciate in due lavori
precedenti, la nuova registrazione le ha rese molto più grintose.
Non trovo in questo lavoro cali di tono, tutti i pezzi vantano una velocità elevata con una durata media
dei canonici due minuti. In “The Reunion” l’intro ricorda leggermente tanto una
canzoncina dei Fast Four mentre “48 s” potrebbe tranquillamente stare dentro a
Forget about the things I said when I was drunk dei mai dimenticati Retarded.
Atmosfere festose e riverdalesiane in “Summer 16” che racconta dei festini estivi
nelle spiagge marchigiane, mentre in “Easter Island H.E.A.D.” si tributano i
grandissimi HEAD appunto, dei quali i Livermores hanno anche reinterpretato un
pezzo nel tributo targato Mom’ s Basement Records.
Probabilmente le due hit sono “G. K. Commando” e la conclusiva “The Sixth Rule”
dalle quali è anche stato tratto un videoclip sempre di chiara ispirazione mangesiana.
Proprio l’ultima traccia dichiara che la regola numero 6 (e qua chiedo: quale cazzo è la numero 5?,
presumendo che le prime quattro siano quelle di “Commando”) vieta espressamente di suonare in
pantaloncini corti pena l’espulsione a vita dalla scena. Siete tutti avvisati ora!
Lupo
Ps. In questi giorni ho sentito e risentito il disco e rispondo così alla provocazione di Momoramone: è davvero un gran bel disco. E’ Ramones-core e sì, alcune tracce richiamano a gran voce i Manges. Ma noi che ascoltiamo Ramones-core (o quel cazzo che è: già ‘sto nome non ci garba tanto) abbiamo tre punti di riferimento: Ramones, Donnole e Queers; aggiungerci un riferimento (non un copia-incolla) agli spezzini non mi sembra un sacrilegio…Che ne dite?
Bella Livermores, avanti a testa bassa!
27tommy
Tracklist:

1.
Copacabana 01:17
2.
I Love Her (She Don’t Care) 01:53
3.
P.P. Is A Spy 01:32
4.
Who Killed F.P. ? 01:51
5.
The Reunion 01:31
buy track
6.
2nd Chance 02:29
7.
Bay California 02:29
8.
48 Sec. 00:43
9.
Easter Island H.E.A.D. 01:34
10.
G.K. Commando 02:07
11.
Summer 16 02:09
12.
C.I.A. 02:03
13.
The Sixth Rule 01:38

One thought on “LIVERMORES – S/T-Mom’s basement records, I buy records, Commando Records

  1. Ho capito solo oggi che la quinta regola potrebbe essere quella di cui parlano i Mugwumps nel loro ultimo album. Qualcuno può confermare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *