Fighettas @ Dr Creature Desio (Mb)

Fighettas @ Dr Creature Desio (Mb)

Primo postulato: i Fighettas sono la miglior punk rock party band.

Secondo postulato: il Dr Creature è il nuovo CBGB.

Terzo postulato: Martino (il Dottore) è il migliore!

Dai postulati sopra vigenti (e assolutamente immodificabili) discende un teorema: la serata di ieri è stata una figata assurda!

Allora ragazzi poco da fare: se non avete mai visto un concerto dei Fighettas vi siete persi un gran bel delirio. Se non siete mai stati da Martino vi siete persi il locale più fuori di testa della Brianza. I Fighettas da Martino sono polvere da sparo pura!

Se ci aggiungiamo la visita dei Nas (vera!) poco prima del concerto possiamo solo dire che il vero titolo della serata avrebbe potuto essere: “ai confini (e oltre) della realtà!

Breve cronaca: arriviamo tardi coi fedelissimi RZR e The intruder carichi a molla. Due medie di Janka (cazzo Zibu rimetti giù la Zlatan!) cioè la rossa del birrificio Railroad e ci buttiamo subito nel delirio. Il locale è ovviamente l’ideale, con quel pazzo di Martino che vaga come al solito per il posto, finisce i bicchieri delle medie, sale al mixer e scatena la macchina del fumo, suona la mitica campana incoraggiato dai cori degli alticci clienti e poi esce vestito da Doc Brown di ritorno al futuro e serve al bancone così conciato.

Fighettas? Non li conoscete? Prendete il classico repertorio da disco bar italiano (Celentano, Massimo Ranieri e company) e piazzateci le intro di Nofx e Bad religion, aggiungete il batterista ad un gruppo metal ed eccoli serviti!

Per non farsi mancare nulla hanno una scaletta nuova, ai soliti classiconi tipo Marco se n’è andato della Pausini mixato con Basket case o perdere l’amore con l’intro di American Jesus si aggiungono canzoni di chiesa: camminerò; una stupenda una vita in vacanza sull’aria di all the small things dei Blink 182, i Nomadi e una versione tiratissima di piccolo grande amore di Baglioni.

Non mancano le solite gag, minchiate e coinvolgimento del pubblico. Devo dire che stavolta i quattro steccano non poco (grande l’ex rosso Moris alla chitarra) e mi confessano che non provano da un pò…ma mica siamo alla scala, siamo dal dottore…e tutto finisce in assenzio incendiato. Se non ci siete stati non potete capire!

27tommy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *