Bad Frog+Millwanks@Dagda club Retorbido (PV)

Bad Frog+Millwanks@Dagda club Retorbido (PV)

Un paio di settimane fa Premo, batterista dei Bad Frog, mi dice che suoneranno IN ELETTRICO. Non ci sono ulteriori domande, ovviamente si va!

Arriva finalmente Sabato, arruolo i soliti folli compagni di trasferte, RZR e Intruder e si via! Partiamo all’orario più stupido del mondo: abbiamo circa un’oretta e mezza di strada e saliamo in macchina alle cinque; praticamente troppo tardi per fare tappa eno-culturale e troppo presto per arrivare direttamente al concerto. Decidiamo di fermarci a Voghera e scopriamo che (non me ne voglia nessuno) ma è davvero un bel posto del cazzo! Fantastica piazza adibita ad enorme parcheggio e difficoltà a trovare un bar dove berci una birraccia.

Ripartiamo presto per Retorbido: entriamo nel locale e lì ci rendiamo conto che la serata sarà per lo meno strana. Il posto è figo, ottimo per suonare con enorme bancone laterale, ma ci sono una quarantina di sedie con il nome di chi ha prenotato a sottolineare come sarà obbligatorio vederci il live da seduti; immaginavo qualcosa di simile ma arrivare prestissimo, essere i primi ad entrare e ritrovarci una tal visione ci ha buttato proprio giù.

Decidiamo allora di uscire e di recarci nei due bar del paese dove riusciamo a risollevare i nostri umori grazie ad un’abbondante dose di grappe, caffè corretti e amari vari. 

Torniamo al locale dove un minimo di movimento si è creato; becchiamo i Bad Frog che, sorpresi di vederci arrivare così fuori mano, per ringraziarci della sbatta, ci offrono a piene mani birrette su birrette (thanx boys).

Ha inizio il live più strano cui io abbia mai assistito. I Bad Frog partono a razzo col loro punk rock cazzaro e ignorante: Matilde, Supermagica, Alice, Bomber del bancone…i ragazzi sono un pò arruginiti ma iniziano con le minchiate di Paolino, cui Ugge fa da degna spalla dedicando canzoni a “ragazzi” e “ragazze”, scherzano su Codogno e la sua triste fama, fanno la spiaggia di Bellaria, Antonella, Geraldo, solite pose da matto di un Paolino sempre più ingranato….ma manca qualcosa: star seduto è una pena, sembra di guardare il calcio di questo periodo con le partite solo in Tv senza pubblico, non ce la faccio: allora decido timidamente di alzarmi, ma l’ottima proprietaria Angela mi fa (giustamente) rimettere a posto. Si chiude con Milano spacca. Che dire? Veloci e cazzoni come il punk dovrebbe essere, ottimi Bad Frog! ma…sta storia delle sedie è come un coito interrotto!

Niente! Cambio di palco e salgono i Millwanks: li conosco molto meno ma la cosa che subito cattura la mia attenzione, credo anche per la prospettiva “bassa” da cui seguiamo il concerto, sono i tatuaggi sulle gambe del cantate: Bad Manners, Madness e Two tone.

Neanche il tempo di iniziare e subito tutto si fa chiaro. Partono con Sally Brown un set praticamente tutto di cover two tone ska: si passa da timebomb dei Rancid, a Linoleum versione in levare, Toots and Maytals (al cui defunto cantante è dedicato il concerto), Qui non c’è il mare degli Statuto, One step Beyond, Night boat in Cairo….il pubblico viene travolto da un’ondata di energia e di passione incredibili. Impossibile star fermi: si vedono vecchi rude boyz cercare di trovare un modo per ballare seduti con inevitabili figure da idioti. (la stessa Angela si lascia andare chiedendo ripetutamente a RZR di ballare con lei!)

Il segreto è presto svelato: è la prima uscita dei ragazzi con il nuovo elemento, un saxofonista incredibile, che permette ai pavesi una scaletta molto diversa dalle solite. Anche qui la scazzeggio e l’ignoranza la fanno da padrone: i cinque si presentano vestiti da spiaggia, sparano minchiate a raffica, coinvolgono il pubblico. Nota di merito al chitarrista-cantante capellone e lungagnone che ad un certo punto incita il singalong brandendo un’infradito! Grande prova!

Ci accontentiamo così anche se la stessa lineup va rivista con lo stesso tasso alcolemico ma con la possibilità di saltare, pogare e ballare. Quando si coniuga punk rock ed ignoranza il risultato non può che essere una figata!

27tommy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *