The Camel City Blackouts-Wild Card EP

The Camel City Blackouts-Wild Card EP

I Camel City Blackouts si sono proprio messi sotto quest’anno. Dopo il primo EP “13” rilasciato in Gennaio, il duo di Winston Salem presenta il diretto successore “Wild Card” a sei mesi di distanza giusto in tempo per la stagione estiva.

Di questo secondo EP del 2021 mi ha subito colpito l’artwork: adoro questo tipo di contrasto di colori, che unitamente al soggetto ritratto mi ha proiettato in un mood quasi glam. Faccio partire e…uhmm..

I tre pezzi di cui è composto l’EP si rifanno ad un pop punk veramente basilare e dentro le righe, dove anche dopo diversi ascolti non riesco a trovare quella cosa che stuzzichi la mia attenzione, che mi faccia scattare la scintilla.

I pezzi sono un po’ troppo monotoni e le melodie limitate e troppo ripetitive, soprattutto in un pezzo della durata di addirittura quattro minuti come Memory.  La mancanza di altri elementi che potrebbero alzare il tiro, come stacchi di batteria, soli o tappeti di palm mute, contribuisce a rendere faticoso il rimbalzare delle canzoni in testa, che purtroppo non riescono a rimanere impresse. Probabilmente gioca molto il fatto di essere un duo voce/chitarra e basso; potrebbe essere che con qualche elemento aggiuntivo si possa cambiare la storia, ma per adesso l’impressione che ho è quella di ascoltare il primo demo di una band di ragazzini fresca fresca. Questa band però è attiva dal 2015 ed ha già un album e diversi EP alle spalle.

Da premiare resta solo l’etica DIY della band, che non è sotto contratto con nessuna label e si autoproduce tutto, ma proprio tutto, fatto inoltre che porta con se la difficoltà notevole di fare anche da promotori e distributori per sé stessi. Infatti ad esempio non è purtroppo chiaro se esistono o esisteranno delle hardcopy o un modo per contribuire alla crescita del progetto come un semplice download: sembra che l’unico modo per ascoltare i ragazzi sia attraverso le maggiori piattaforme streaming.

Mi auguro che nell’immediato futuro ci sia la volontà da parte della band di aggiungere qualche elemento che potrebbe portare una necessaria ventata d’aria fresca, in caso contrario consiglio un cambio di rotta deciso.

 

Reeko

 

Tracklist

1 – Swing or Sway

2 – Memory

3 – Packin’ Up

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *