Panamas+Riccobellis @ Dr Creatur Desio (MB)

Panamas+Riccobellis @ Dr Creatur Desio (MB)

Un paio di giorni fa, così a caso e senza senso vien fuori una data dei Riccobellis from Brescia al Dr Creatur. Un concerto da Martino? Ovviamente è assolutamente impossibile mancare!

Partenza coi soliti RZR e Intruder sempre belli carichi e ritrovo in loco con Frankie che probabilmente ha stordito col gas i figli per farli addormentare alle nove.

Martino (il doc) sfoggia la solita incredibile calma ansiogena da concerto: alza e abbassa la saracinesca convinto delle proprietà di isolamento acustico del ferro della serranda, si aggira armato del cellulare per controllare il green pass stile sceriffo americano, ma dopo un paio di minuti (e il lettore di qrcode che funziona a singhiozzo) si rompe il cazzo e dice a due tizi “controllatevelo da soli“, spilla birre con lentezza da tartaruga ma le serve con la velocità della lepre della famosa storiella…Insomma, il solito dottore che non puoi non amare!

Campana di rito e partono a suonare i Panamas: nuovo progetto di Lollo Ramone (questa volta al basso) accompagnato  da Freddy dei Leeeches e Zeno degli Snipers alla batteria con alla voce un ex ragazzo che mi dicono essere il boss della Moquette Records.

Conoscendo la formazione ci si aspetterebbe un classico Ramonescore: non è così. I quattro fanno un punk-rock and roll molto accattivante con cori molto ramonici ma chitarre taglienti e non banali (Freddy sfoggia una pedaliera infinita). Mooolto interessante. Band da tener d’occhio. Peccato per la scaletta veramente risicata (avran suonato un quarto d’ora).

Veloce cambio palco. Cocktail e pieno di olive per RZR e subito tocca ai Riccobellis. Inizio un pò arrugginito (come per tutti di questi tempi) ma il classicissimo Ramonescore dei tre bresciani ingrana alla grande coinvolgendo il locale intero. Per l’occasione il dottore rispolvera la macchina del fumo che, azionata senza soluzione di continuità da Zeno Sniper, intossica il locale e il buon Simo che viene subito (subito?) soccorso dalle birrette del doc.

Nel set le ottime going into space, born to die in Berlin, la fantastica baby on LSD e l’ovvio finale con Drunk and High. C’è tempo addirittura per qualche cover-bonus: prima Saturday night dei Misfits e poi Commando e Today your love… dei fratellini. Ottima chiusura ben apprezzata!

Che dire? Un concerto dal dottore è sempre un evento. Stop. A nanna presto.

27tommy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *