Venerea – Euro Trash (2022, SBAM Records)

Venerea – Euro Trash (2022, SBAM Records)

C’è qualcosa di magico nello skatepunk svedese.
Come forse molti di voi la fuori, negli anni ho subito (felicemente) l’influenza dei venti d’oltreoceano per quanto riguarda la definizione dei miei gusti musicali (e non solo…), ma altrettanto importante è stato il contributo della brezza del nord Europa. Lo Swedecore è un qualcosa senza la quale non si può spiegare il mio essere me stesso nella sua interezza: gli associo una serie di sensazioni del tutto particolari e in qualche modo analoghe a quelle a stelle e strisce ma completamente diverse, peculiari e per me essenziali.
Tutte cose che stanno in pieno dentro il nuovo disco dei Venerea, altra storica band del filone. Euro Trash, questo il titolo del lavoro, esce su SBAM Records e contiene 16 pillole di Ikea-core scolastico e tradizionale tanto che pare uscito dall’anno di grazia 2003.
Sia a livello stilistico che a livello di produzione il disco mi ha ricordato moltissimo Out in the Red, album col quale scoprii la band, e mi ha riportato esattamente le stesse sensazioni che ebbi quando da pischello mi avvicinai a questo mondo, con conseguente lacrimuccia.
Non c’è molto altro da dire per spiegare questo album: si tratta del buon vecchio suono Bad Taste/Burning Heart di fine anni 90 fatto di belle melodie, velocità supersoniche e tecnica generosa che abbiamo tanto amato.
A qualcuno la scelta della band di “fossilizzarsi” a tal punto dentro il passato potrebbe far storcere un po’ il naso, ma credo che questo sia un disco da ascoltare senza troppe pretese e per il mero piacere dell’ascolto per quanto è comunque riuscito e fatto bene. A mio parere, operazione nostalgia a parte, la scelta della band di non conformarsi in fatto di suoni e produzione al trend che accomuna in maniera quasi fastidiosa il mondo hardcore melodico odierno costituisce un punto a favore.
Sedici tracce sono veramente tante, anche se a dire il vero la durata complessiva di riproduzione non è così elevata e i pezzi che superano i tre minuti sono davvero pochi. Salvataggio in corner.
Cartellino rosso invece per quanto riguarda la parte grafica: mi spiace molto, ma non riesco proprio a salvare nulla. Peccato, si poteva fare davvero molto meglio.

Un bel disco per chi vuole ritrovare la magia dell’età della stupidera e allo stesso tempo un’ottima ispirazione per le nuove leve.
Super promosso.

Reeko

Acquista il vinile: https://eu.sbam.rocks/products/venerea-euro-trash

Acquista il cd: https://noreason.it/venerea-euro-trash-cd/

Tracklist:
1. Chanson d’Amour
2. A Case of Corona

3. Summer of ’94 (feat Nikola Sarcevic, Geir Pedersen and Inge Jansson)
4. The Nobodies
5. Blind Faith
6. My Kind of Stupid
7. Burning Every Bridge
8. Sirens Call
9. The Show Must Go Wrong
10. DNA vs. DIY
11. Some Girls Don’t Like Misfits
12. Diet Plan B
13. The Overly Friendly Giant
14. My Imaginary Foe
15. Subterranea
16. Loose End

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.