Lacerhate-Blood.Lies.Idiots.Death-10-54 Records

Lacerhate-Blood.Lies.Idiots.Death-10-54 Records

Non di solo punkrock vive Irritate People.

Pensiamo che ogni tanto sia salutare uscire un po’ dalla routine per scongiurare il decubito e rimanere freschi. Quale occasione migliore dell’arrivo in redazione di un po’ di bel metallone?
Eccoci quindi a parlare dell’ultima fatica dei Lacerhate, band della zona di Cremona/Bergamo votata ad una versione 2.0 del “vecchio” metal di scuola early 2000s, in uscita per l’australiana 10-54 Records.

Un disco abbastanza tirato in cui la band non concede all’ascoltatore un minuto di respiro (se escludiamo il filler Interlude) per una mezz’oretta totale di play, durata azzeccata che unitamente alla indubbia capacità compositiva dei cinque evita di consegnare l’ascoltatore alla ripetitività e all’annoiamento che questo genere può talvolta portare con sè.
Sonorità serrate alla primi Slipknot (anche la voce ricorda in molti punti il buon vecchio Corey Taylor) breakdown irresistibili di matrice metalcore, qualche solo nemmeno troppo tamarro ben piazzato qua e la e testi viscerali: questa la formula dei Lacerhate, che personalmente trovo abbastanza convincente.
Forse non un disco che viene da piazzare in rotazione continua, ma di sicuro un ascolto appagante e croccante, complice anche la buona produzione.
Un disco che mi sento di consigliare a chi, tra i nostri lettori, è in cerca di un occasionale svago e per i nostalgici dell’epoca d’oro del metalcore, da acquistare in digitale qui (https://lacerhate.bandcamp.com) e se siete così gasati da volervi fare anche una maglia, qui (https://lacerhate.bigcartel.com/products).
La NWOIHM (New Wave Of Italian Heavy Metal) è realtà!

Reeko

Tracklist

  1. Dawn of the Black Season
  2. 15 (Inhaled)
  3. Dirty Flags
  4. Puppets
  5. Icky Drops
  6. Interlude
  7. Gone
  8. Scum of the Earth (Cliche)
  9. B.L.I.D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.