Browsed by
Categoria: Album review

Aurevoir Sofia – Demo

Aurevoir Sofia – Demo

Nuova band dalla periferia nord di Milano e sono belli incazzati! Gli Aurevoir Sofia (riferito alla città – qualcuno proponeva di metterci un accento!) nascono dalle ceneri dei Moving To Eliot con una nuova sezione ritmica. Nonostante il nome della band e le immagini facciano pensare ad una band emo o post-qualcosa, le coordinate musicali dei cinque sono quelle dell’hardcore melodico. Con hardcore non intendiamo tanto quello americano tutto muscoli à la Madball e Sick Of It All, quanto piuttosto…

Read More Read More

Pessimi Elementi – Controllo Remoto – B.E.V.I. Records

Pessimi Elementi – Controllo Remoto – B.E.V.I. Records

Nel primo album dei Derozer, il fantastico Bar, c’era una canzone che si intitolava Spugne e recitava circa “quattro ragazzi un poco stonati […] ed il gruppo un po’ suonava, poi dopo si fermava, chiedeva birra al bar […] spugne…loro erano spugne…” Ecco, non ho mai visto i Pessimi elementi ma la sensazione che danno è esattamente quella di questa vecchia canzone dei vicentini. Quattro valtellinesi dediti al macello, all’alcool e al punk-rock. I ragazzi vengono dalla valtellina, sono attivi dal 2007 e hanno…

Read More Read More

SMALL THING – SMALL THING – Flamingo Records

SMALL THING – SMALL THING – Flamingo Records

Album di debutto per questo quartetto proveniente da Genova, che pubblica il lavoro per la Flamingo Records, ormai punto di riferimento della scena della costa nord-occidentale. Le coordinate sono quelle del melodic hardcore: pezzi veloci, con momenti al fulmicotone e aperture melodiche. Sulla loro pagina facebook questi sono le band che citano come loro influenze: “Nofx, Pears, Bad Religion, Exploited, Lagwagon, Rancid, Renato Zero” e in effetti queste le sonorità che emergono ascoltando il disco. La voce di Monica, roca e sgraziata, ricorda in…

Read More Read More

The Enthused – Compromise – Lostdog & No Reason & Sbam Records

The Enthused – Compromise – Lostdog & No Reason & Sbam Records

L’album dell’anno, punto! Questa dovrebbe essere la recensione del nuovo lavoro, il terzo, dei lodigiani Enthused. Cerco di entrare nel merito: non conoscevo il quartetto, attivo dal 2010 e faccio fatica ad inquadrarli in un solo genere: fanno un mix tra pop-punk e harcore con ritmo sempre sostenuto manumerissime variazioni sul tema. La particolarità è l’attitudine più hardcore mitigata da una voce che definirei college-punk: ci sono riff tiratissimi che contrastano con questa voce mooolto pop, figata! si possono accostare…

Read More Read More

Trifle – All that is to be – Lostdog records

Trifle – All that is to be – Lostdog records

Bello questo EP di 4 tracce dei vicentini Trifle, band che non conoscevo attiva da un  paio d’anni che viene da vecchie volpi del mondo punk, gruppo inizialmente ideato come uno studio-project, come loro stessi si definiscono “una band di amici di vecchia data e facce non nuove nella scena punk-hardcore”.  Se le facce non sono nuove il suono appare invece fresco e potente, un mix tra il pop-punk dei Copyrights, l’hardcore-punk-rock dei Direct hit! e quello che un paio…

Read More Read More

Gli ignoranti + Animols – split – El topo records

Gli ignoranti + Animols – split – El topo records

Tre canzoni, uno split tra due band per tornare indietro di 15 anni quando fare punk rock e cantare in italiano non era un delitto, quando le rime baciate (stare solo non è male/ti costringe a pensare oppure è una magra consolazione /se il nemico n1 è il leone) erano un must…insomma quando il punk rock italiano spopolava tra noi pischellli. Gli Ignoranti sono la soria in quel di Genova: attivi dal ’98 ma fuori dalla scena nei primi 2000;…

Read More Read More

NEW FOUND GLORY – FROM THE SCREEN TO YOUR STEREO 3 – HOPELESS RECORDS

NEW FOUND GLORY – FROM THE SCREEN TO YOUR STEREO 3 – HOPELESS RECORDS

“Ops, they did it again!” Dopo il primo pubblicato nel 2000 e il secondo nel 2007, i New Found Glory fanno uscire il terzo capitolo della serie From The Screen To Your Stereo, album di cover delle colonne sonore dei film. Direi che la band non ha bisogno di presentazioni, essendo attiva dal 1997 e avendo ottenuto un discreto successo all’inizio degli anni ’00, grazie soprattutto all’album Sticks And Stones. Non sono un grande amante degli album di cover perché solitamente stancano dopo poco. I…

Read More Read More

Zachary – D20 System Failed Youth – Lostdog Records

Zachary – D20 System Failed Youth – Lostdog Records

Gli Zachary, trio di San Mauro a Mare (FC), pubblicano questo EP di 4 tracce per la Lostdog Records, ottima etichetta nostrana della zona di Forlì. “Decadente” è il termine che mi salta in mente per descrivere il loro sound: melodie nostalgiche e tendenzialmente tristi, velocità media dei brani e soprattutto voce rauca e stridula (quasi Black Metal) che fa da contrasto. La parte melodica convince, i ritornelli sono di quelli giusti e i pezzi funzionano bene. A mio parere però la voce non supera la prova. Intendiamoci, stiamo…

Read More Read More

Barren Marys – Wired wrong – Frankensense records

Barren Marys – Wired wrong – Frankensense records

Se già conoscete i Barren Marys, punk band di Philadelphia, allora significa che siete davvero sul pezzo sui gruppi d’oltreoceano. Personalmente non avevo mai sentito parlare di questo quartetto e quando ho scoperto che sono attivi già dal 2014, hanno già pubblicato 2 album (più qualche singolo e 7 inches) e hanno una loro etichetta, la Frankensense Records, ammetto di essermi sentito un po’ ignorante. Anche perché, appena faccio play, quello che sento non mi dispiace affatto! Formazione classica a quattro con…

Read More Read More

Latte+ – Next to ruin – Phocomelic Records

Latte+ – Next to ruin – Phocomelic Records

Il mitico Momoramone ci parla del nuovo lavoro dei Latte+, gruppo ultracriticato in passato per il suo passaggio da quel punk italiano tipico di fine ’90 inizi 2000 ad un puro Ramones-core. Fanculo ai criticoni: questi il Ramones-core lo sanno fare eccome! Eppoi mi piacevano anche quando cantavano in italiano… Un album sicuramente sopra la media. Suoni, scrittura, produzione, coerenza, assenza di filler songs: gli ingredienti ci sono e la ricetta finale è matura e piacevole. Si tratta di un album che…

Read More Read More