Chaser -Dreamers- Thousand Islands/Soundspeed/SBAM/Pee

Chaser -Dreamers- Thousand Islands/Soundspeed/SBAM/Pee

I Chaser cacciano fuori una gran bella mina di hardcore melodico “alla vecchia”!

 

Scolastico? Si. Già sentito? Senza dubbio. Innovativo? Ma anche no. Talmente tanto che non si riesce a smettere di ascoltarlo. E se poi non vi viene neppure la voglia di sfilare lo skate dallo scaffale e saltarci sopra, significa che avete dei problemi grossi.

Il nuovo disco dei Chaser (per chi non li conoscesse, band californiana in attività dal 2000) è un concentrato di energia pura che porta decisamente con sé la boccata d’aria fresca e di “normalità” che ci vuole in questo momento.

Dico “normalità” perché al suo interno questo disco racchiude ed amalgama davvero molto bene tutte le classiche influenze hardcore melodico dei tempi migliori senza mai passare però per odiosa scopiazzatura. Lo definirei un lavoro antologico: le belle chitarre dritte e piene rimandano inequivocabilmente alla scuola californiana targata Pennywise o Offspring, così come anche la batteria. Le melodie vocali principali sono sempre ben inserite e rimangono in testa molto facilmente, ricordando molto la gloria dei No Use for a Name, mentre le parti di cori e back vocals, che ho apprezzato particolarmente, riportano all’orecchio alcune costruzioni – udite udite – dei Bad Religion. Insomma, quella di passare per “disco tributo” sembra essere addirittura un’intenzione, tant’è che in chiusura la band ci propone anche un pezzo davvero strappalacrime che suona molto anthemic e cita in maniera decisamente esplicita tutta la scena punk rock in generale e in qualche modo riporta in vita Tony Sly.

Penso che il disco possa funzionare bene con tutte le generazioni di punk rockers: lo consiglierei sia come primo ascolto alle new entry che vogliono appassionarsi a questo mondo e che potrebbero trovare nei quattro californiani dei moderni miti, sia ai veterani del genere per sperimentare ancora una volta l’energia di una giornata di sole sulla tavola, anche se forse per alcuni di essi il fatto di avere così tanti richiami al passato del genere potrebbe portare allo stufarsi precocemente dell’ascolto.

Per citare infine artwork e produzione, il disco esce grazie alla collaborazione di quattro etichette (Thousand Islands/Soundspeed/SBAM/Pee)ed è disponibile in altrettante versioni in vinile dalle colorazioni davvero vivaci ed eye-catching, oltre che in CD. La scelta del tema e dei colori è a mio avviso in linea con l’intento del disco, anche se ho già sentito molti lamentarsi del fatto che lo schema colori ricorda un po’ troppo alcuni artwork di scuola easycore (tipo Homesick degli A Day to Remember), ma per favore: keep your bad vibes off me, che in questo disco di spazio per la negatività non ce n’è davvero!

 

Reeko

 

 

Tracklist:

  1. Fight of Our Lives
    2. 2020
    3. Good Times
    4. Signs Of Life
    5. A New Direction
    6. The Ripper
    7. Echoes
    8. Dreamers
    9. Break The Chain
    10. Always With You
    11. Only Human
    12. Something In the Water
    13. See You At The Show

Un pensiero riguardo “Chaser -Dreamers- Thousand Islands/Soundspeed/SBAM/Pee

  1. Disco fantastico! Sarà uno dei dischi dell’anno!
    No Use a pallettone con spruzzate di Bad Religion e Millencolin
    Voto altissimo !
    Ordinato su Sbam! Colori del vinile mega fighi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *