I Like Allie-Rare Instances Of Independent Thinking-No Reason Records, Paper+Plastick, Engineer Records, Soreness Records

I Like Allie-Rare Instances Of Independent Thinking-No Reason Records, Paper+Plastick, Engineer Records, Soreness Records

A volte capita di scoprire e conoscere un artista mentre sei in giro per concerti e scatta quella scintilla che ti fa pensare “davvero figo, i pezzi mi piacciono, voglio seguirli”.

Alcuni anni e varie uscite discografiche dopo, eccomi con il nuovo ‘Rare Instances Of Independent Thinking’ degli I Like Allie in cuffia, pieno di aspettative e pronto a sventolare striscioni immaginari di supporto al cielo … sì perché, diciamocelo, loro sono una di quelle band che se si fossero formate qualche migliaio di chilometri più a ovest dello stivale, oggi sarebbero su qualche copertina di riviste del settore.

Renato, voce/chitarra e songwriting, dopo alcuni anni in veste solista e decisamente più intimista, dal 2014 è riuscito a rendere anche in elettrico le proprie emozioni e il pathos interiore che ne ha sempre caratterizzato la stesura dei pezzi; la band è composta da Fra (basso e backing vocals), Luca (chitarra solista) e Gio (batteria), tecnicamente impeccabili e perfettamente funzionali al tiro e al dilatarsi della canzone che stanno suonando, arricchendola con l’intervento dei rispettivi strumenti.

Se il precedente EP ‘The Wounds You Leave’ risultava estremamente melodico e di (relativamente) facile presa sull’ascoltatore fin dalle prime note, con questo primo full-lenght  ci troviamo con l’asticella spostata più in su, sia dal punto di vista dell’arrangiamento (curatissimo, pressoché impeccabile, prendo come esempio ‘Clichès Of Love Stories’ che è forse la mia preferita) che da quello della forma canzone: ‘Opening Number’ che sfocia in ‘Your Superpowers Are Stupid’ è un esempio di questa ricercatezza e del non andare mai a percorrere la strada più scontata.

La parola chiave è ‘mentalità’: se non conoscessi questi ragazzi e non sapessi da dove provengono, questo disco potrebbe essere benissimo stato scritto e registrato da una band di Chicago, c’è ampio respiro nelle pieghe dei suoni delle chitarre, la sezione ritmica è sempre essenziale nel sostenere i pezzi con perizia, i testi ma soprattutto il cantato di Renato hanno parole e pronuncia come ogni persona non anglofona dovrebbe imparare a fare (… soprattutto nel punk italiano con il cantato in inglese … ).

Da segnalare la presenza di Laura Stevenson nella title-track, che è la traccia conclusiva.

Insomma, l’unione delle forze tra Paper+Plastick e Engineer Records (UK), la General Soreness Records e la “nostra” NoReason Records per la pubblicazione e la promozione di questo disco non è casuale,  i ragazzi se lo meritano e dopo averlo ascoltato più volte giungo alla mia conclusione: gli I Like Allie oggi sono senza dubbio una tra le band di spicco dell’emo-punk in italia.

Un’altra nota a loro favore è la personalità del sound che ne rivela le influenze senza cadere in una eccessiva derivatività, altra cosa dove spesso band bravissime vanno a parare o a rimaneggiarsi.

Fateli vostri, l’album è stato pubblicato in vinile in edizione limitata (con un artwork pazzesco, tra l’altro) e a breve potrete vederli in azione sui palchi di mezza italia: perderseli sarebbe un pessimo errore di valutazione.

 

Koppo

 

 

TRACKLIST:

  1. Opening Number
  2. Your Superpowers Are Stupid
  3. How Weak I Can Be
  4. Go Out There, Get Superpowers And Live Your Dreams
  5. A Reaction Paper On Salt
  6. Clichès Of Love Stories
  7. Charlie Brown Should Stop Believing
  8. The Chaser
  9. Rare Instances Of Independent Thinking

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *