Quicksand – Distant Populations (Epitaph Records)

Quicksand – Distant Populations (Epitaph Records)

Chiudiamo gli occhi, li riapriamo e ci accorgiamo che la Epitaph ha fatto uscire un disco dei Quicksand.
Ma in che anno siamo?
Siamo tornati indietro nel tempo?
È forse l’estate del 1995?

Ci pensa il riffing mastodontico dell’opener ‘Inversion’ a mettere subito le cose in chiaro: è il 2021 e le prime parole pronunciate nel pezzo dall’eminenza grigia dell’hardcore Walter Schreifels sono le stesse che danno il titolo al nuovo album dei Quicksand: Distant Populations… due parole che dicono moltissimo sull’urgenza e sugli argomenti trattati dal combo newyorkese nella loro ultima creazione.
L’album infatti nasce e si sviluppa durante il pieno periodo pandemico del 2020, i testi parlano di quanto e come ci si sia allontanati l’uno dall’altro, di angoscia, frustrazione ma anche di un tentativo mai sopito di reazione, di combattere, di tenere botta e non abbassare la guardia, nonostante tutto.

Rispetto al precedente ‘Interiors’ del 2017, che era “soltanto” un bell’album dove la band dava dimostrazione della propria capacità ritmica e compositiva attraverso esercizi di stile (come se ci fosse il bisogno di doverlo dimostrare, peraltro), percepisco Distant Populations come un disco realmente necessario e permeato da una vivida urgenza nel voler comunicare le proprie emozioni agli ascoltatori.
Mi sembra infatti che i pezzi “parlino” maggiormente attraverso i testi di Walter e basterebbe già soltanto il trittico iniziale ‘Inversion’- ‘Lightning Field’- ‘Colossus’ a ergerlo come un indubbio capolavoro della musica alternativa per l’anno 2021.

Se i dizionari fossero interamente realizzati con le figure a corredo delle parole, sotto la voce ‘sezione ritmica’ dovrebbe esserci una foto di Alan Cage e Sergio Vega. Idem dicasi per la definizione di ‘power-trio’.
Inutile girarci attorno, qua siamo oltre: riusciamo a metabolizzare con discreto entusiasmo anche un pezzo interlocutorio come ‘Brushed’ dove il nostro Walter sembra quasi giocare a fare il terzo fratello dei mancuniani Gallagher.
Poi però arrivano gli sberloni di un pezzo come ‘EMDR’ che ti riporta subito sui binari di quel capolavoro che fu, è e sarà ‘Slip, quindi va tutto benissimo; ora, rispetto a un quarto di secolo fa (… cristo…) la band oltre a una maggiore esperienza dispone anche di un’evoluzione non indifferente sulla potenza di watt e sulla “pasta” del sound. Se erano dei maestri in questo campo nel 1995, figuratevi come ci lavorano sopra adesso.
Accaparratevi questo album, sarà presente in ogni classifica e/o top ten dei migliori dischi usciti quest’anno, a mani basse.
Il giorno che un disco o un progetto di Walter Schreifels finirà per passare inosservato, vuol dire che il rock sarà morto per davvero.

Koppo

TRACKLIST:
1. Inversion
2. Lightning Field
3. Colossus
4. Brushed
5. Katakana
6. Missile Command
7. Phase 90
8. The Philosopher
9. Compacted Reality
10. Emdr
11. Rodan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *