Masked Intruder -III- Pure Noise Records

Masked Intruder -III- Pure Noise Records

Quando anni fa (nel 2012) uscì il primo disco degli invasori mascherati fu una vera e propria coltellata alla gola nel mondo del pop punk. Alcuni gridarono al miracolo, altri furono quasi infastiditi da coretti e melodie sfacciatamente pop.

Io mi schiero dalla parte dei primi, per me la ventata di novità e freschezza che portarono i quattro ragazzi da Madison fu un’ancora di salvezza in un periodo buio per le sorti della nostra musica preferita.

Veniamo ad oggi, Blue, Red, Yellow e Green tirano fuori un nuovo lavoro di 15 pezzi, e la mia attesa era esagerata.

Diciamolo subito, siamo di fronte ad una nuova bomba di melodie e coretti, ma andiamo con ordine.

Si parte con la doppietta No case e Mine all mine, come per dire: ragazzi siamo tornati!

Due canzoni diverse che fan ritrovare i due lati dei mascherati. La prima ha un inizio potente, con schitarrate in evidenza e poi un coretto in perfetto stile M.I.. La seconda è una ballatona che mostra il cuore tenerone dei quattro con il coretto “baby please be all mine” da cantare a squarciagola!

Si torna poi aggressivi con All of my love, dove la voce di Blue si fa più incazzata e roca e le chitarre tornano a svettare.

Just so you Know che ha, a mio avviso, il ritornello più bello e chatchy del disco.

Si passa dai coretti Doo wop di Please come back to me, al fantastico riff di Maybe even, uno dei pezzi top dell’album.

Si passa dal Not Fair, il coretto che si stampa in testa di Stay with me tonight.

Si arriva a I’ll be back again someday, che parte con un coro a cappella in classico stile wish you were mine ma che passa subito ad un riff tirato di chitarra, una delle più belle dell’intero album, con ancora una volta un fantastico ritornello tutto da urlare.

Si finisce con altre perle Bad reputation, che somiglia molto a I just wanna say goodbye to you dell’album precedente , l’ottima ballatona would hold my hand che mi rimarrà in testa per mesi e l’ultima Marry me.

Insomma siamo ad un classico lavoro dei Masked intruder, dove i quattro mostrano ancora una volta di essere i veri re del pop punk. Sfoggiano tutte le armi del loro repertorio: doppie voci, ritornelli Killer e appiccicosi, la voce pop di Blue, l’handclapping, il doo wop dei coretti.

Devo però dire un grosso MA: non è il loro miglior lavoro, vedo due pecche:

1-canzoni che si avvicinano pericolosamente (e, a volte, superano) i tre minuti: troppo!

2-la produzione: sembra che per provare la maturità della band si sia tentato di mettere più in evidenza le chitarre: non a caso si è scelto di evitare brani sfacciatamente pop come nei primi due lavori. Peccato! Se sei il re dei coretti e della voce pop io punterei su quella…

Sto cercando il pelo nell’uovo, un disco così tante band se ,lo sognano di notte (everynight in my sweatest dreams…)!

27tommy

Tracklist

1.No Case
02. Mine All Mine
03. All of My Love
04. Just So You Know
05. I’m Free (At Last)
06. Please Come Back To Me
07. B & E
08. Maybe Even
09. Not Fair
10. Stay With Me Tonight
11. Dream a Little Dream
12. I’ll Be Back Again Someday

13.Bad Reputation

14.If you would hold my hand

15 Marry me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *